2020-11-30T12:06:24+01:0030.11.2020|

Inchiostro e BitInchiostro e Bit

30.11.2020

Guida per artisti.

Immaginare i futuri e saperli raccontare.

Antesignani di nuove ribellioni.

Portatori di cambiamento.

L’immaginazione è l’unica facoltà in grado di connettere il mondo oggettivo a quello soggettivo. Perché appartiene tanto al cosmo razionale, quanto a quello simbolico-emozionale. Mette in comunicazione l’emisfero sinistro con l’emisfero destro.

Quando ciò accade si creano fenomeni che chiamiamo “arte”.

È un artista chi ha davvero imparato a usare l’immaginazione come ponte tra il misurare e il creare. E può farlo solo attraverso il racconto. Quello vero, cioè il “Mito”.
Il mito narra vicende di Dei e di uomini, alle prese con tutte le conseguenze della Creazione universale, ricorrendo a strumenti fortemente simbolici quali sono l’arte e l’immaginazione. Senza tali strumenti non si hanno prospettive adeguate per generare visioni originali.
Perché l’immaginazione è una guida spirituale, per chi si mette davvero in gioco, una guida più grande del pensiero, più potente della memoria, più vasta della realtà.

Un artista non agisce appoggiandosi alle credenze e tanto meno sostiene di aver capito la realtà.
Il vero artista si accorge di ciò che lo circonda: solo così scopre la verità. Quando poi cerca di rappresentarla nel mondo in cui vive, scopre che i suoi strumenti sono insufficienti, allora inventa nuove tecniche, elabora nuovi pensieri, espande il suo vocabolario con parole che prima non esistevano.

Gli artisti dunque sono antesignani di nuove ribellioni e portatori di cambiamento, perché sono capaci di immaginare i futuri e sanno come raccontarli. Come riconoscere un artista? Vive nello straordinario, nel mutamento costante, non si adatta mai alle situazioni, ma ne crea sempre di nuove, psichiche e materiali, che si adattano meglio a lui e ai suoi simili.

L’artista non si oppone alle regole, semplicemente non le osserva perché le considera credenze sociali e definizioni limitanti. Ama l’improvvisazione e giocare con le maschere sociali, indossando ruoli diversi da ciò che gli altri si aspettano.
Gli artisti non negano le cose, affermano le alternative. E cosa più importante, si assumono la responsabilità delle loro creazioni, che da molti verrà scambiata per eccentricità o anche egocentrismo. Per questo gli artisti non vengono generalmente amati nel loro tempo, ma in quelli successivi, quando la loro visione futurista del mondo ha preso forma ed è divenuta la nuova realtà.

Come riconoscere un artista? Vive nello straordinario, nel mutamento costante.

Gli artisti si assumono la responsabilità delle loro creazioni.

Post correlati

Applicazioni AI e servizi cognitivi

22.12.2020|

Integrare l'Intelligenza Artificiale in processi e applicazioni reali richiede tempo e competenze molto specifiche di machine learning e una lunga ed accurata acquisizione di dati storici su cui costruire i modelli di riferimento. I servizi cognitivi in cloud semplificano questa attività.

Guida per artisti

30.11.2020|

L’immaginazione è lo strumento dell’artista, perché come l’eroe mitologico è alla ricerca della verità. Il racconto del Mito è la sua magica rappresentazione.

Segnali dal futuro

19.11.2020|

Lo studio dei futuri si rivolge ai decisori, a coloro che anticipano le strategie lavorando sul medio lungo termine. Per farlo hanno bisogno di scenari rappresentativi, basati sull'analisi dei segnali deboli e dei megatrends.